Ground Penetrating Radar (GPR)

georadar ground penetrating radar GPR archeologia archaeology prospezioni survey geofisica geophysics geophysical

Ground Penetrating Radar (GPR)

Il georadar è particolarmente indicato per l’individuazione di strutture murarie, vuoti sotterranei e stratigrafie sepolte

Il georadar, noto in letteratura anche con il termine GPR (acronimo per ground penetrating radar), è un sistema di indagine del sottosuolo nell’ambito delle prospezioni geofisiche per l’archeologia basato sulla riflessione delle onde elettromagnetiche con frequenza compresa tra 10 e 2000 MHz. Questo efficace e versatile strumento per le prospezioni geofisiche utilizza un’antenna trasmittente che invia degli impulsi elettromagnetici ad alta frequenza (radio frequenze) nel sottosuolo ed una antenna ricevente che registra in superficie il tempo e l’intensità di eventuali riflessioni del segnale causate da discontinuità intercettate durante il suo percorso. Il tempo che intercorre tra l’emissione e la registrazione del segnale di ritorno fornisce informazioni assai dettagliate sulla consistenza e la profondità a cui si trovano le strutture od i reperti sepolti. Le riflessioni degli impulsi elettromagnetici inviati dal ground penetrating radar sono causate dal cambiamento delle proprietà elettriche del sottosuolo, dalla variazione del contenuto d’acqua e da cambiamenti litostratigrafici. In particolare, nel caso della prospezione georadar per scopi archeologici, le riflessioni possono essere prodotte da strutture, da vuoti presenti nel terreno (ipogei, cunicoli), da elementi metallici e superfici di contatto tra strati differenti. I programmi di post-processing permettono di realizzare le cosiddette time slices, ovvero mappe di anomalie e stime di volumi a diverse profondità. Il metodo è assai indicato per l’individuazione di strutture murarie, sepolture, vuoti sotterranei, individuazione di stratigrafie sepolte. Il ground penetrating radar fornisce i migliori risultati quando è impiegato su terreni a bassa attenuazione, caratterizzati da un bassa conduttività elettrica, come sabbia, roccia, ghiaccio, ecc. E’ molto meno efficace quando opera in mezzi ad alta attenuazione come argilla e limi saturi, acqua con alta concentrazione di sali.

georadar ground penetrating radar GPR archeologia archaeology prospezioni survey geofisica geophysics geophysical
georadar ground penetrating radar GPR archeologia archaeology prospezioni survey geofisica geophysics geophysical

SCORRI LA BANDA CENTRALE PER ESPLORARE LA MAPPA
Esempio di risultato di un sondaggio georadar presso la Basilica ed Abbazia di San Pietro (Perugia)

Lo strumento utilizzato da ArcheoRes – Archaeological Research Group è un Mala X3M con antenne da 250 e 500 MHz.

Social

Users on page

Now online: 1
Overall: 26967

Contact us

ArcheoRes
Voc. Morelli, 207
Papiano (Perugia) - ITALIA
info@archeores.com
+(39) 328 2268098 +(39) 347 2418617
P. IVA 03497120547
C.F. 94159430548