Tomografia Elettrica Multielettrodo ERT

Tomografia Elettrica Multielettrodo ERT Electrical Resistivity Tomography geoelettrica sondaggio resistività archeologia archaeology prospezioni survey geofisica geophysics geophysical

Tomografia Elettrica Multielettrodo (ERT)

Se nel sottosuolo è presente una struttura archeologica il sistema la rivelerà quale variazione del rapporto tra la tensione misurata e corrente immessa nel terreno

La tomografia elettrica multielettrodo (ERT – electrical resistivity tomography) è una tecnica di recente utilizzazione nella ricerca archeologica. Essa offre dati geofisici assai interessanti ed utili nella individuazione delle strutture sepolte. La tomografia elettrica multielettrodo (ERT – electrical resistivity tomography) misura i differenti valori di resistività dei materiali presenti nel sottosuolo attraverso un set di elettrodi distribuiti lungo un profilo a distanza variabile, a seconda della risoluzione e della profondità di investigazione ricercata. Gli elettrodi possono essere posizionati sia in ambienti naturali che in ambienti antropici, come ad esempio all’interno di edifici. Un sistema di cavi e swithcing box collega gli elettrodi ad una unità di acquisizione dati che funge da energizzatore. Gli elettrodi alternativamente immettono corrente lungo il profilo e misurano la resistività apparente secondo le modalità del quadripolo scelto (Wenner, Schlumberger, Dipolo-Dipolo o Polo-Polo). La ricostruzione tomografica della sezione del profilo del terreno investigato viene effettuata in fase di post-processing tramite un apposito software di elaborazione che utilizza il Metodo degli Elementi Finiti (FEM). Il software specifico per l’analisi dei dati della tomografia elettrica multielettrodo (ERT – electrical resistivity tomography) restituisce una sezione bi-dimensionale che rappresenta in falsi colori la distribuzione dei valori di resistività reale a differenti profondità ed ubicazioni lungo il profilo stesso. Differenti valori di resistività reale possono corrispondere a strutture archeologiche sepolte nel sottosuolo come strutture murarie, fossati, riempimenti di ambienti, cavità ipogee e cunicoli, battuti stradali, etc. Combinando insieme più profili di resistività del terreno paralleli tra loro si può ottenere un´immagine ad alta risoluzione in formato 3D. L´estrema versatilità, precisione ed accuratezza di misura rende questa metodologia di indagine assai idonea all’individuazione di strutture archeologiche anche a profondità elevate (fino a 20 metri). Questa tecnica è particolarmente indicata come verifica delle anomalie geofisiche individuate con magnetometria e georadar (ground penetrating radar).

Tomografia Elettrica Multielettrodo ERT Electrical Resistivity Tomography geoelettrica sondaggio resistività archeologia archaeology prospezioni survey geofisica geophysics geophysical

Esempio di sezione tomografica ERT

Lo strumento usato da ArcheoRes - Archaeological Research Group è un MAE A3000 a 64 elettrodi .

Social

Users on page

Now online: 1
Overall: 26967

Contact us

ArcheoRes
Voc. Morelli, 207
Papiano (Perugia) - ITALIA
info@archeores.com
+(39) 328 2268098 +(39) 347 2418617
P. IVA 03497120547
C.F. 94159430548